venerdì 23 luglio 2010

Piazza Venezia, l'antico auditorium


Articolo di GABRIELE ISMAN pubblicato su http://roma.repubblica.it.

Il governo sblocca i fondi per la linea C, e in piazza Venezia spunta quello che per gli esperti è "il più importante ritrovamento di edificio pubblico dalla guerra". Nel giorno dello sblocco del Cipe degli ultimi 84 dei 792 milioni di euro per la tratta T3 da San Giovanni al Colosseo, la Metro C perde definitivamente una stazione - Chiesa Nuova - ma acquista il fascino della Storia, con il ritrovamento di tre ambienti gemelli con scale e gradinate dove si tenevano anche alcune riunioni del Senato romano. Così a piazza Venezia sarà visibile "il più importante ritrovamento archeologico di edificio pubblico romano dai tempi della guerra" come dice Roberto Egidi, funzionario della Soprintendenza archeologica che guida gli scavi nella piazza.

Per la fermata di piazza Venezia gli accessi previsti sono a piazza Santi Apostoli, a piazza Madonna di Loreto e a sinistra dell'Altare della patria verso Fori Imperiali. Intanto nella piazza sono in corso i restauri degli ambienti di epoca romana ritrovati negli scavi. "Si tratta - dice Roberto Egidi - di tre ambienti gemelli con scalee o gradonate, forse collegati all'Athenaeum di Adriano che risale al 135 dopo Cristo". Ritrovamenti di alto valore scientifico per i luoghi monumentali dove i romani studiavano, ascoltavano e discutevano: "Si tratta di auditoria o scholae, ambienti in cui avvenivano i discorsi pubblici, i confronti tra retorici, e anche talora riunioni del Senato. L'edificio fu in uso fino alla caduta dell'Impero romano: all'interno abbiamo ritrovato una base con iscrizione di Passifilus Paulinus, prefectus urbi del 473 il cui nome è riportato anche sulle gradonate del Colosseo". Presto tutto sarà visibile attraverso un cantiere modello.

Nessun commento:

Foto Roma

Archivio blog