giovedì 19 giugno 2008

Stadio dei Marmi


Dopo quasi 30 anni dall'ultima volta sono rientrato allo Stadio dei Marmi. Infatti, oggi, ho assistito alla festa organizzata in onore del 234° anniversario della fondazione della Guardia di Finanza.

La cerimonia mi è piaciuta e nei diversi momenti di pausa ho potuto osservare con calma questo piccolo stadio che fu progettato come logico proseguimento dell’Accademia di Educazione fisica (oggi Palazzo Coni, detto anche Palazzo H per la sua caratteristica forma se visto dall'alto) per l’allenamento quotidiano degli allievi dell’Accademia.
Le gradinate perimetrali in marmo bianco di Carrara furono ottenute sopraelevando il terreno di 5,50 m.

Quello che mi affascina di questo monumento sono le 60 statue (in realtà 59) che cingono le gradinate, offerte dalle province d’Italia. (per vedere foto)
Il progetto prevedeva che, per le caratteristiche sue proprie, fosse possibile utilizzarlo solo per manifestazioni ginnico-sportive e non per il calcio.
Fu inaugurato insieme all’Accademia di Educazione Fisica nel 1932

Per quanto riguarda la cerimonia devo ringraziare alcuni colleghi finanziari che mi hanno invitato. Insieme all'invito ufficiale ho ricevuto anche il passi per il parcheggio, per tanto mi sono presentato con la mia auto famigliare, sporca per la sabbia piovuta un paio di giorni fa. Non potete capire lo stupore quando ho scoperto che il mio settore (parcheggio) era quello riservato alle autorità e il successivo imbarazzo quando ero in fila con tutte le auto blu con autista e rispettivi VIP!! Volevo diventare piccolo piccolo per poi piazzarmi in uno dei due seggiolini che avevo appoggiato sui sedili posteriori. Per fortuna almeno ero in giacca e cravatta

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Sangue del mio sangue, mi hai fatto questo!?! Se me lo dicevi venivo pure io, così salutavo il mio ex direttore! Lo hai visto? Sto provando una profonda invidia... Uffi!!!

Anonimo ha detto...

Oh collega, se me lo dicevi venivo pure io. Sto provando una profonda invidia...
Giuseppe

Foto Roma

Archivio blog